Brevi considerazioni sul fatto che c’è un cazzo da ridere.

A pochi giorni dalle elezioni, il clima nel paese è simile all’alito di Travaglio dopo un paio di giorni di rinuncia all’igiene orale: pesante e impregnato dalla puzza del cazzo di Grillo.
L’ex comico, essendo soltanto il portavoce (il megafono!) di un movimento di cittadini, ha deciso che non si faranno patti con nessuno.
L’obiettivo, a chiunque abbia mantenuto quel minimo di coscienza che ti permette di non chiederti se è il caso di ciucciare la matita in cabina elettorale, dovrebbe essere chiaro: costringere il pd a dover trovare un’intesa con una parte del pdl per la formazione di un governo di transizione, poi pasteggiare, al ritorno alle urne, col cadavere del centrosinistra.
Questa è l’idea di “bene del paese” che ha Beppe Grillo. Il resto sono cazzate.

Grillo inoltre si arroga il diritto di incontrare Napolitano. Mi sfugge a che titolo lo faccia: non ha la maggioranza né alla camera né al senato e, sorpresa, dopo il conteggio delle circoscrizioni estere, non è nemmeno più il primo partito alla Camera. Eppure si comporta come se toccasse a lui – a lui, non al suo movimento – guidare il Paese. 
Questa è, in parte, l’idea di democrazia che ha Grillo. In parte perché è anche molto peggio.

C’è stato un momento, lunedì pomeriggio, in cui le menti critiche che parlano del loro voto a Grillo come di un modo “per dare un segnale alla sinistra” sembrava stessero mandando questo messaggio usando come oggetto “Governo Berlusconi V”. Poi, forse, è andata ancora peggio.
Pensateci un attimo: se Grillo riuscisse a fare all’Italia un decimo del danno che ha fatto alla vostra Home di Facebook, saremmo comunque spacciati.
Chi sostiene il contrario è il tipo di persona che condivide obbrobri grafici nei quali si spiega che “loro hanno tornato indietro i soldi” e che non afferra l’ironia non troppo sottile di “Siamo la Gente, il Potere ci temono”.

Il fascismo è durato più di vent’anni, il berlusconismo è lì lì per raggiungerlo.
Sorprendetemi, per favore.

2 responses to “Brevi considerazioni sul fatto che c’è un cazzo da ridere.

  1. non vedo ohshhh.tumblr.coso sul blogroll.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s